RETE E BLITZSCALING: DA START-UP A COLOSSO MILIONARIO

RETE E BLITZSCALING: DA START-UP A COLOSSO MILIONARIO
Condividi l'articolo:

Mi occupo di una rubrica per la Rivista Aristotele. Per me un’occasione, un piacere, un onore. Una figata, insomma, #seguici!
Qui sul blog pubblico qualche estratto dei miei pezzi, allegando di volta in volta il link all’articolo completo pubblicato su #RivistaAristotele.


La rete, i social e, in generale, le tecnologie permettono cose fino a non molto tempo fa inimmaginabili. Tra queste la possibilità, per le società e le start-up che operano con software e servizi online, di diventare giganti milionari in poco tempo.

La parola d’ordine è blitzscaling, una strategia basata su un insieme di tecniche per innescare e gestire la crescita vertiginosa, la conquista di quote di mercato più e prima dei competitor.
Ovviamente non esiste la ricetta magica per fare i milioni, ma sono numerosi i colossi diventati tali grazie al blitzscaling: Alibaba, Netflix, Airbnb, PayPal, LinkedIn, Facebook, … nomi noti che oggi fanno parte della nostra quotidianità e si impongono sul mercato globale.

blitzscaling

Teorizzato da Hoffman e Yeh, si basa sull’idea di dare la priorità alla velocità di sviluppo piuttosto che all’efficienza, in un ambiente incerto. Il concetto è questo: quando un mercato è in palio, occorre conquistare con decisione e prontezza i propri spazi, la fetta di mercato più grande possibile, e poco importa se la produzione non è efficiente o se per un certo periodo si registrano delle perdite.

La finestra di azione può chiudersi rapidamente e una breve esitazione può fare la differenza tra diventare leader ed essere schiacciati dalla concorrenza.

La rapidità di azione è anche uno dei vantaggi che le start-up hanno rispetto alle grandi aziende. Competere allo stesso ritmo significa probabilmente perdere in partenza: le risorse del colosso costituiranno un notevole vantaggio.

blitzscaling

(…)

Rischi sì, rischi inutili no

Attenzione a questo tipo di strategie, perché l’approccio, di contro, è estremo – diremmo contro-intuitivo – e potrebbe essere rischioso. Ci sono delle possibilità che dipendono da determinate condizioni e variabili, ed è impossibile prevedere in assoluto cosa accadrà. Il blitzscaling non è un approccio universale e andrebbe applicato solo quando il premio è grande, la competizione aggressiva e l’ambiente disposto a finanziare con capitale monetario e umano.

Questo è un estratto, leggi l’articolo completo cliccando qui. (Tranquill*, non devi pagar€ nulla.)


LINK INTERESSANTI:

Il consiglio di oggi è NERO SU BIANCO: L’AVVERSARIO

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *