ELEZIONI: LA MIA PRIMA VOLTA

Domani si vota.

Ho diciannove anni. Sì, è la mia prima volta e no, non sarà così piacevole.

Cresciuto in una famiglia modesta, tradizionalmente di centro-sinistra, mi trovo a dover dare il mio contributo di cittadino per scegliere quelli che saranno i miei rappresentanti in Parlamento per i prossimi 5 anni.

Comincerei proprio da questo primo aspetto: la rappresentanza.

L’Italia è una Repubblica parlamentare che si basa sulla democrazia rappresentativa. Su questo concetto, a mio avviso, spesso sorgono alcuni malintesi. Non si può credere che una persona possa rappresentarne a tutti gli effetti un’altra, perché ciascuno è unico. Quindi si abbandoni definitivamente l’idea, si legga illusione, di trovare qualcuno che incarni alla perfezione ciò in cui crediamo e che ci guidi alla salvezza economica, fisica e, per chi ci crede, pure dell’anima, sempre che non si senta la necessità di tornare indietro, come fanno i vecchi nostalgici e gli ignoranti, a un regime di tipo totalitario, dittatoriale, zarista o, addirittura, alla società imperiale.

Per questo, a mio avviso, non è neanche da prendere in considerazione la galassia neofascista, che va da CasaPound a Forza Nuova, toccando, talvolta, Fratelli d’Italia e Lega. È decisamente ridicola, antiquata, superata e anacronistica, ma soprattutto xenofoba, razzista, antidemocratica e populista. Allo stesso modo non penserei neanche minimamente a quella comunista, che, in termini di progresso, modernità, ma anche di programmi e politica estera ha delle analogie con la precedente. Tra l’altro al momento buono i primi scappano e i secondi si dividono, sempre.

Escluderei dal campo anche Forza Italia, un partito che non esiste più, tenuto in piedi da un leader che, consumato dagli anni, non è considerato tale da nessuno nella coalizione di centro-destra. Forse perché una coalizione reale non esiste proprio, tantomeno un leader e una linea politica comune. Ciò che è certo è che sono gli stessi che tra il 2008 e il 2013, quando almeno erano coesi e avevano un capo ben preciso, hanno trascinato l’Italia a un passo dalla bancarotta e dal baratro, quindi oggi, se si pensa anche alla linea decisamente più estremista, sono di gran lunga più pericolosi.

Allo stesso modo escluderei immediatamente anche il Movimento 5stelle, che si dice portatore di democrazia diretta, l’esatto opposto di quella rappresentativa prevista dalla nostra Costituzione e che, soprattutto, si autodefinisce come il nuovo che avanza, pronto a salvare tutti dalla partitocrazia, considerato il male assoluto. Rousseau ne “Il contratto sociale” descrive divinamente la democrazia diretta e devo dire che si tratta di una teoria che, se realizzata, porterebbe indubbiamente a completa attuazione il concetto di democrazia, ma perché funzioni presuppone il cittadino totale, mobilitato da mattina a sera al servizio della collettività, sempre informato e guidato esclusivamente dall’obiettivo di perseguire il bene comune. Utopico, no?

Se si pensa, poi, che lo si vuole fare sul web, contando su una piattaforma virtuale controllata da una società privata, basata su un algoritmo imperscrutabile e, come dimostrano i dati della stessa, assolutamente disabitata viene da sorridere. La cosa ancora peggiore del Movimento, però, è che non ha assolutamente una linea politica, perché affida ogni scelta al famoso “algoritmo”, che a sentir loro si basa sulla volontà popolare, senza possibilità di sfumatura alcuna. Una forza politica che, quindi, per guadagnare consensi dice alla gente ciò che si vuole sentir dire e fa continuamente leva sui nostri peggiori istinti, dall’invidia alla rabbia e alla paura. Un partito di carattere totalitario che vorrebbe portare in Parlamento e, addirittura, al Governo persone che non hanno la minima idea di cosa significhi, appunto, governare, come dimostrano i loro curriculum (curricula, per i raffinati) e che non credono nella politica (“sono tutti ladri, tutto è male”). Come si può votare un partito di incompetenti, populisti e qualunquisti controllati da chissà chi, tra l’altro senza sapere prima quali posizioni adotterà in merito alle più disparate questioni?

E qui salta fuori un altro principio che reputo assolutamente imprescindibile oggi, domani e sempre: la razionalità.

Tempo fa ho scritto, in un post su Facebook, queste parole: “Usiamo un po’ di più la testa, che tutto ciò che proviene dalla pancia, di norma, puzza e finisce – giustamente – in un gabinetto”. A parte il tono volutamente ironico, è chiaro che per fare una scelta di voto consapevole e ponderata occorre informarsi, conoscere, ragionare, capire. Chi sostiene certe cose lo fa perché ci crede davvero oppure perché gli conviene per guadagnare consenso? Le proposte sono concretamente realizzabili? Le soluzioni sono credibili?

Lasciare spazio a populismo, complottismo e qualunquismo non risolve niente. Oggi servono idee e progetti lungimiranti. Poi è assolutamente da abbandonare il tifo da stadio, sempre più diffuso soprattutto tra i giovani, ma non solo: la politica non è questo. La politica non è una partita, in cui c’è un vincitore, uno sconfitto o, al limite, un amaro pareggio. La politica è il bene di tutti, oggi e, soprattutto, domani.

Non mi dilungherei troppo a parlare di chi, come Liberi e Uguali, non ha alcuna possibilità di governare e vuole prima di tutto “dare una lezione” a quello che è il suo partito di origine, il Partito Democratico, e, in particolare, a Matteo Renzi, considerato troppo centrista. Con le scaramucce personali, le divisioni e gli attacchi gratuiti diretti a chi la pensa in maniera simile, ma non perfettamente identica, non si otterrà mai nulla. La politica non è neanche questo.

L’Italia, secondo me, ha bisogno di altro. L’Italia ha bisogno di qualcuno che ci metta serietà, impegno e voglia di fare e che sappia scendere a compromessi con le altre forze politiche per cercare di riformare i settori che necessitano interventi. Servono politici e persone che sappiano mediare e contrattare con le potenze europee per cercare di far sentire di più la nostra voce, senza arroganza, presunzione, nazionalismo o egoismo, quelli non possiamo permetterceli.

Io vorrei un Paese che guarda al futuro, un Paese aperto, giovane e dinamico, ma allo stesso tempo sereno e accogliente. Le frontiere non esistono più, ormai siamo cittadini del mondo: non esistono più le patrie e le nazioni da difendere contro i nemici della porta accanto, quella è roba da vecchi e frustrati.

Dunque io domani entrerò per la prima volta nella mia vita in una cabina elettorale ed esprimerò il mio voto a favore di quello che considero il “meno peggio” e, soprattutto, verso chi non mi fa temere dei disastri e delle tragedie. Voterò con enorme amarezza e profonda insoddisfazione un Partito Democratico deludente, talvolta incoerente, che spesso si è dimenticato dei suoi elettori e che, di fatto, si sta sempre più allontanando da quelli che sono i miei valori e le mie idee, ma che rappresenta, ad oggi, l’unica forza politica affidabile e rassicurante. Non vedo proprio alternative, purtroppo. Detto questo, che è semplicemente il mio parere, chi non partecipa alle elezioni non è un figo, un furbo o un bravo cittadino, anzi. Può esercitare una forma di protesta verso una classe politica che non è la più felice della storia, certo, ma non fa nulla per migliorare la situazione dell’Italia intera, che alla fine è ciò che conta realmente.

Buon voto.

 


LINK INTERESSANTI:

FIDUCIA NELLA SCIENZA, FIDUCIA NELLA VITA

LA DEMOCRAZIA IN RETE NON ESISTE (E NON PUÒ ESISTERE)

IL FIORE DELL’ANTIFASCISMO

LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

PROF, I RAGAZZI A SCUOLA DEVONO VIVERE, NON SOPRAVVIVERE

ROBOTICA E ISTRUZIONE: UN MATRIMONIO POSSIBILE?

DIECI ANNI, È IL MOMENTO DI CRESCERE

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *