LA SEMPRE PIÙ ATTUALE LOTTA AL NAZIFASCISMO

Approvato alla Camera il Disegno di Legge proposto dall’Onorevole del Partito Democratico Emanuele Fiano in merito alla propaganda fascista e nazifascista.

Onorevole Emanuele Fiano, deputato del Partito Democratico (Tratto da “www.corriere.it”)

La proposta di legge, che dovrà passare al vaglio del Senato, cerca di colpire ogni tipo di riferimento a fascismo e nazismo a scopo propagandistico o, comunque, inneggiante ai principi antidemocratici dei regimi di Mussolini e Hitler.

Il saluto romano e la produzione o diffusione di immagini, gadget, simboli e contenuti inequivocabilmente riferiti al partito fascista o nazionalsocialista tedesco, una volta approvato definitivamente il ddl Fiano che introdurrebbe l’articolo 293-bis nel codice penale, saranno considerati reati e puniti con la reclusione da 6 mesi a 2 anni (“salvo che il fatto non costituisca più grave reato”), con pene che aumentano di un terzo nel caso in cui la diffusione avvenga attraverso mezzi telematici, come, ad esempio, la rete.

Non stupiscono i toni dell’estrema destra, da Casa Pound a Forza Nuova, da Lealtà e Azione fino agli ex militanti di Ordine Nuovo e agli ex terroristi neri, che, proprio utilizzando la rete dei social network, hanno esternato minacce e pubblicato parole pesanti contro chi quella legge l’ha proposta e votata e coinvolgendo davvero troppe persone.

L’estrema destra è un fenomeno attuale, che guadagna sempre più consenso cavalcando le paure, la rabbia e il disagio della gente che da anni vive una profonda crisi economica e sociale, impoverendosi e soffrendo la grave fragilità sociale.

L’estrema destra nasce dall’ignoranza, dall’odio e dalla violenza, ma, come la storia tenta di insegnarci, non ha mai risolto nulla, anzi.

Ed è arrivata anche alla Camera, dove ormai non stupiscono i voti contrari di Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia e verdiniani, ma sapere che anche il Movimento 5stelle, secondo partito nazionale per numero di consensi ottenuti nelle ultime elezioni politiche e guidato da Beppe Grillo, abbia definito la legge sull’apologia di fascismo un provvedimento liberticida fa davvero rabbrividire.

Il fascismo stesso uccide ogni libertà. Il fascismo non è un’opinione, ma un crimine contro l’intera umanità. Il fascismo è razzismo, totalitarismo, odio, violenza, sottomissione, cieca obbedienza, estremismo, nazionalismo, repressione, intolleranza, censura, discriminazione, illusione. E non dimentichiamolo mai: il fascismo è guerra.

Oggi il pericolo è grande. Lo dimostrano, per fare qualche esempio, l’esistenza di svariate fazioni che si dichiarano di stampo neonazista e neofascista, ma anche l’annunciata “marcia dei patrioti”, organizzata dai nazifascisti (come sentenziato due volte dalla Cassazione) di Forza Nuova e riproposta in data 28 ottobre, stesso giorno in cui, nel 1922, Benito Mussolini, con la tristemente nota “Marcia su Roma”, prese il potere con la forza e diede inizio al ventennio fascista, senza dimenticare i manifesti estremamente razzisti recentemente diffusi dalle organizzazioni della destra più estrema e, per concludere, l’istituzione dei “parcheggi rosa” a Pontida, storica roccaforte leghista, che vietano la sosta ad omosessuali ed extracomunitarie, discriminando ed escludendo delle persone totalmente innocenti, un po’ come quello che fu l’apartheid in Sudafrica. Nella destra italiana sembra essere tornato in voga il triste, oltre che fallimentare passato ed il sentimento di rivalsa contro quello che di volta in volta viene individuato come il “nemico comune” e combattuto con ogni mezzo.

I reali nemici sono ben altri. Ignoranza, violenza e populismo sfrenato, per citarne alcuni.

La storia ha già dato le sue sentenze.

 

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. 19 novembre 2017

    […] LA SEMPRE PIÙ ATTUALE LOTTA AL NAZIFASCISMO […]

     
  2. 19 novembre 2017

    […] LA SEMPRE PIÙ ATTUALE LOTTA AL NAZIFASCISMO […]

     
  3. 14 dicembre 2017

    […] LA SEMPRE PIÙ ATTUALE LOTTA AL NAZIFASCISMO […]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *