SCUOLA: NUOVE PROPOSTE DELLA MINISTRA FEDELI

La Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha pronti nuovi provvedimenti per riformare il sistema scolastico italiano.

Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione (Tratto da “www.italianinsider.it”)

Appena firmato il decreto che dà il via alla sperimentazione del nuovo corso di istruzione di secondo grado quadriennale, prevista per l’anno scolastico 2018/2019, che vedrà protagoniste cento classi selezionate da quelle che si candideranno durante tutto il prossimo mese di settembre e la cui futura attuazione dipenderà molto dai risultati che si otterranno, la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli lancia nuove proposte già pronte ed attuabili per un’altra nuova riforma del sistema scolastico e non solo.

Istruzione obbligatoria fino ai 18 anni

Innanzitutto la Ministra ritiene necessario rivedere la qualità dei cicli scolastici e dei loro percorsi didattici interni ma, soprattutto, intende estendere l’istruzione obbligatoria fino ai 18 anni, come già avviene in altre importanti nazioni europee, per rilanciare la crescita e il benessere dello Stivale, puntando sull’economia e sulla società della conoscenza, cosa che, tra l’altro, è in linea con l’Agenda Onu 2030, sottoscritta anche dal nostro Paese, ma, in particolare, per contrastare il preoccupante 15% (circa) di abbandono scolastico minorile, piaga che ormai da anni caratterizza il sistema scolastico italiano e lo discosta dalla decisamente migliore media europea di dispersione.

Erasmus accessibile a tutti

Altro obiettivo della Fedeli è dare la possibilità ad ogni studente italiano di svolgere un periodo di Erasmus all’estero, durante il percorso curricolare.

La Ministra non intende fare passi indietro su questo aspetto, in quanto, anche grazie alla sua esperienza professionale come Presidente del Sindacato Europeo, è consapevole di quanto sia utile, formativa e, talvolta, stravolgente un’esperienza di questo tipo, in particolar modo per dei giovani studenti. La Fedeli sostiene che, così facendo, in pochi anni si possa costruire una nuova classe dirigente, italiana ed internazionale, in grado di garantire ottime basi per un avvenire migliore. Con l’Erasmus si acquistano cultura, conoscenze, ma anche qualità relazionali e capacità di adattamento alle nuove situazioni professionali, pertanto è un’opportunità da che lo Stato Italiano vuole e deve garantire a tutti i suoi giovani.

Aumento stipendi insegnanti e qualità nella loro formazione

Aspetti non di poco conto che la Ministra ha inserito tra i principali obiettivi del nuovo provvedimento sono l’aumento degli investimenti per la qualità della formazione dei docenti e, soprattutto, la calda questione che riguarda la loro retribuzione, considerata davvero incoerente rispetto alle importantissime responsabilità che questi hanno riguardo il destino e il futuro del nostro Paese. Attualmente gli insegnanti italiani sono tra i meno pagati d’Europa, come dimostra il 16° posto occupato dall’Italia nella classifica continentale stilata a questo proposito.

La Fedeli, infatti, è decisa a fare qualcosa per cercare di cambiare rotta, e sostiene che la retribuzione degli insegnanti italiani vada almeno raddoppiata per riconoscere la rilevanza di ciò che gli stessi svolgono per il futuro della nazione.

 

Le idee sono tante e i progetti generalmente validi, quindi non resta che mettersi al lavoro e portare a termine provvedimenti ragionati, lungimiranti e mirati, senza semplificazioni inutili o, talvolta, controproducenti.

La cultura è davvero tutto, questo non va mai dimenticato.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *